Tag Archives: couchsurfing

Gdansk (part two)

gdanskmostri This page is in both english unionjack and italian version (with more pictures).

 

Questa pagina ha anche una versione italiana italy la trovi dopo il racconto in inglese

 

Continuing from here.

Where was I?

Ah yes, the italian dinner (badly managed) and the Polish one (well managed). After a couple of relaxing days spent at the beach, it was time to explore the area a little more. By walking I reached Sopot, the second of the three cities.

sopotFrom the Olive hostel could be about 4/5 km, however it is a beautiful walk, beside the beach, there is’ a pedestrian and bicycle path, very nice, you can admire beautiful holiday homes, restaurants, camping sites, all under a fresh vegetation for most of the entire path.

Once in Sopot I was a little disappointed, too touristy and plastic’ location. Even to enter the famous pier you have to pay, I leave it to the tourists this privilege, then I headed to the center, to see the famous house built with the unique drunken’ effect , but again another disappointment here, the trees at the front impede the full view, moreover the signs of the bar and restaurants chains are too invasive. I’ve had enough of Sopot and its high-class’ tourism, with many Germans and Scandinavians, in addition to the rich Polish, coming here. Better my working class favorite beach.

gdanskmilkbarThe whole way there by the seashore is a nice walk. For lunch I decided to try the famous milk bar’ Kmar, located a few hundred meters from the Olive hostel where I am staying. I knew that the only spoken language there was Polish, however I was counting on my previous experiences in many other bar mlekzny, so I got in, stay in line, take my tray and wait to order what I know. When the lady came to serve me I replied what I familiar within the Polish food specialties, unfortunately, to my surprise, the lady told me something, in Polish, I did not expect that our conversation would continue, just guessing I made a wrong order, I tried to change it, but the lady insisted to tell me something, pointing to the end the row. Fortunately, a young Polish man came to soccur me, explaining, in English, that I could order at pay desk, she was there to take only orders for soups. Good to know! Once paid I had to wait for the food to get ready and announced, to tell the truth, it took a way too much time, I was not the only one to wait for a long time. Anyway, I always recommend the milk bar, they are good and super cheap, but having someone who speaks Polish is almost necessary.

gdansknightOnce in the hostel I met a guy, newer, just arrived, he told me his sad adventure on the overnight train from Wroclaw, while he was sleeping, someone stole his backpack with laptop and money. He came to Gdansk to work as a lighting technician, for concerts, events and evenings, as the Baltic coast in summer has a lot to offer. I decide to invite him to drink a beer in the evening. Let’s go to Gdansk! He leads me, first to see a small hill behind the town, from where you can see all the city and the night lights.

Then we went to a pub owned by a friend of him, where you can find great beers, not the usual commercial ones. The Palupka. In the same street where this pub is located, there are different bars, in one a band was playing jazz, so we took a sit outside, on the sidewalk, listening to nice music and get to know with a Polish guy who had the same idea, we started to exchange travel considerations about the cities we had seen and so on, sharing experiences. Always nice to meet someone who loves to travel.

After a couple of beers, I decided to return to the hostel, the next day I want to go for a little hike and I have to wake up early. The usual suburban train is always on duty, even at night, the tickets can be bought from the conductor, at the head coach of the train. My partner prefers to stay outside, I saw him again the next morning, getting back, completely drunk and with a disgusting stain on the back of the pants, but you know, the Poles drink a lot

oliwa catedralFor me it is time to see the cathedral in Oliwa district, at short walking distance from the hostel, inside it has one of the biggest pipe organs in Poland and Europe.

As usual, I do not enter the churches, my position is simple, I have no respect for such institution, so I do not enter into any religious building of any religion.

The cathedral is located in a beautiful park, too bad it has to be the day of sh.t, because while I was walking among the trees I felt something on my shoulder.

Yes, one of the many pigeons decided to leave me a memory of its existance …

I hate people like that feed them!!

 

gdanskroadoffreeIn the afternoon I meet a girl in Gdansk, contacted through couchsurfing site, Karolina, it makes me see the place where he lives, but lately has lived on the road, working on a cruise ship.

We had a nice time, telling ourselves something about our lifes and we spend a lovely afternoon, we sawe the area where solidarnosc and the protests against the Communist regime began, with Lech Walesa had his speech to the Polish workers and started his political career.

The Road of FREEDOM is an important sight of Gdansk, here all started.

We ended the evening in a quiet cafe, where we had a delicious apple pie. Later I continued to visit Gdansk, fascinated by the colors, the people around me, the bank of the river Motlawa, cobbled streets, beautiful palaces and the impressive Mariacka, the street with the amber shops.

heltrainThe next day I went to Hel! No, I’m not swearing, Hel is the name of a small village at the end of a strip of land a few kilometers from Gdansk, a narrow peninsula.

I went there by train, it is perfect for a day trip. From Gdansk to Gdynia, the third of the town, there you catch a regional (ICs costs too much and the journey takes only about ten minutes less), return ticket is less than 10 .

The train is full of people that go on vacation on this peninsula, it was raining and the view was not the best, but I could appreciate the journey, on the one side, the right, I could see the baltic sea, while on the left one a beautiful pine forest and then you can see the other side of the sea, all will be two hundred metres wide, unique and evocative as a place.

helIn HEL to the rain becomes more intense, I had time to visit the beach where they put a focarium, few stands for selling souvenirs and such, the marina, the port and the city centre, I liked the cosy houses, very typical. In one of them, turned into a restaurant, I stopped by to eat something warm and have a shelter from the infamous time. I’ve got the train back in a couple of hours, desist from doing any coast to coast hiking, it rain ‘cats and dogs’, too much for me and sometime I prefer to leave behind some outstanding experience, those are good excuses to return somewhere.

The train fills up quickly, the rain has advised many to end the visit. I still have a day to spend on the baltic sea, unfortunately the rain but the company seems to want me to do on Sunday afternoon, the sky opens up and gives way to a bright sun, I decided to go at the beach to spend the last hours of this beautiful tour in northern Poland . I think I will return hereThe next morning I get back on the road, towards …

gdanskbeach gdanskbeachtwo

gdansknubi gdanskfiori

 

—————————————————

italy

Continua da qui.

Dove ero rimasto? Ah si, la cena italiana (riuscita male) e quella polacca (riuscita bene). Dopo un paio di giornate di relax in spiaggia, inizio a farmi venir voglia di esplorare un poco la zona. A piedi raggiungo Sopot, la seconda delle tre citta’. Dall’ostello saranno circa 4/5 km, che sono una bellissima passeggiata, fiancheggiando la spiaggia, c’e’ un percorso pedonale e ciclabile, molto bello, si ammirano belle case da villeggiatura, ristoranti, campeggi, il tutto sotto una fresca vegetazione per lunghi tratti.

sopotmoloUna volta a Sopot resto un poco deluso, troppo turistica e ‘plastificata’. Addirittura per accedere al famoso molo si deve pagare, lascio ai turisti pensionati questo privilegio, mi dirigo verso il centro, a vedere la famosa casa costruita con effetto ‘ubriacatura’, anche qui delusione, gli alberi davanti impediscono la visione completa, in piu’ le insegne delle catene di bar e ristoranti sono troppo invasive. Ne ho abbastanza di Sopot e del suo turismo di ‘alto bordo’, molti tedeschi e scandinavi, oltre ai polacchi ricchi, vengono qui.

Rientro alla mia spiaggia preferita, decidendo di farmela via battigia. A pranzo decido di provare il famoso ‘milk bar’ Kmar, che si trova a poche centinaia di metri dal Olive hostel dove alloggio. Sapevo che l’unica lingua parlata fosse il polacco, ma contavo nella mia esperienza in altri bar mlekzny, quindi mi sono messo in fila, ho preso il mio vassio e quando la signora mi ha chiesto cosa volevo ho risposto con il cibo polacco che conoscevo, purtroppo, per mia sorpresa, la signora mi ha detto qualcosa, in polacco, non mi aspettavo che la nostra conversazione continuasse e quindo non capivo cosa stesse succedendo, ho provato a cambiare ordinazione, ma la signora insiste a dirmi qualcosa, indicandomi la fine della fila. Per fortuna un giovane polacco mi ha dato una mano, spiegandomi, in inglese, che potevo ordinare alla cassa, li era solo per le zuppe. Quindi arrivo a pagare, ordino e aspetto seduto che preparino quanto ho chiesto, impiegano un poco, a dire la verita’, divento nervoso, scopro di non essere il solo ad attendere da tanto per quanto richiesto. In definitiva, consiglio sempre i milk bar, sono buoni e super economici, ma avere qualcuno che parli polacco a portata di mano e’ quasi necessario.

Una volta in ostello faccio conoscenza con un ragazzo appena arrivato, mi racconta la sua triste avventura, sul treno notturno da Wroclaw, mentre dormiva, gli hanno rubato lo zaino con il laptop ed i soldi. Era venuto a Gdansk per lavorare, come tecnico delle luci, a concerti, eventi e serate, visto che la costa baltica in estate ha moltissimo da offrire. Decido di invitarlo a bersi una birra, in serata. Andiamo a Gdansk, mi porta a vedere una piccola collina alle spalle della citta’, da dove si possono ammirare tutti i colori e le luci notturne.

gdanskviaPoi andiamo in un pub di un suo amico, dove si possono trovare ottime birre non commerciali. Il Palupka. Nella stessa strada ci sono diversi locali, in uno suonano jazz, ci fermiamo a sedere sul marciapiede ascoltando bella musica e facendo conoscenza con un polacco con il quale scambio considerazioni sui viaggi e sulle citta’ viste, mi racconta della sua esperienza a Napoli ed io gli dico cosa penso della Polonia. Sempre bello incontrare qualcuno che ama viaggiare.

Dopo un paio di birre, decido di rientrare in ostello, il giorno dopo voglio andare a fare una piccola escursione e devo svegliarmi presto, rientro in ostello con il solito treno metropolitano. Che e’ sempre in servizio, anche la notte, il biglietto si puo’ comprare dal capotreno, al vagone di testa del convoglio. Il mio compagno di ostello preferisce rimanere, lo rivedro’ rientrare la mattina seguente, completamente sbronzo e con una macchia inquietante sul retro dei pantaloni, ma si sa, i polacchi bevono molto …

Vado a vedere la cattedrale di Oliwa, a breve dustanza dal ostello, al suo interno ha uno degli organi piu’ grandi in Polonia, come al solito, non entro nelle chiese, la mia posizione e’ semplice, non ho rispetto per l’istituzione chiesa, per cui non entro dentro alcun edificio religioso, di qualsiasi religione, per intenderci, spero che chi mi legge sia contro la mafia e che non entrerebbe mai in una casa di un mafioso …

La cattedrale si trova in un bellissimo parco, peccato che deve essere la giornata delle ca..te, visto che mentre cammino tra gli alberi sento qualcosa sulla mia spalla. Si, uno dei tanti piccioni ha deciso di lasciarmi un ricordo … come odio la gente che gli da anche da mangiare!!!!

gdanskgaleoneNel pomeriggio incontro una ragazza a Gdansk, contattata tramite couchsurfing, Karolina, mi fa vedere il posto dove vive, anche se ultimamente ha vissuto in viaggio, lavorando in una nave da crociera.

Ci raccontiamo qualcosa delle nostre vite e trascorriamo un bel pomeriggio, mi fa vedere la zona dove solidarnosc e le proteste contro il regime comunista ebbero inizio, con Lech Walesa ed il suo discorso ai lavoratori polacchi. Il Road of FREEDOM.

Finiamo la serata in un tranquillo cafe, dove mangiamo una squisita torta alle mele. Ci salutiamo ed io continuo a girare per Gdansk, affascinato dai colori, dalla gente. Ritorno a visitare la riva del fiume Motlawa, le strade ciottolate, i bei palazzi e la suggestiva Mariacka, la via con le botteghe di ambra.

helIl giorno seguente vado a Hel! No, non sto imprecando, si tratta di un paesino alla fine di un lembo di terra a pochi km da Gdansk, una penisola strettissima, la percorro in treno. Da Gdansk a Gdynia, la terza delle citta’, da li prendo un regionale (gli IC contano troppo ed impiegano solo una decina di minuti in meno), andata e ritorno a meno di 10 euro. Il treno si riempie di persone che vanno in vacanza su questa penisola, piove e la vista non e’ delle migliori, ma posso apprezzare il viaggio, da una parte, la destra, vedo il mar baltico, mentre sulla sinistra una bella pineta e poi si intravede l’altra sponda del mare, il tutto saranno duecento metri di larghezza, davvero unico e suggestivo come luogo.

Ad HEL la pioggia si fa piu’ intensa, faccio in tempo a visitare la spiaggia dove hanno messo un focarium, le bancarelle che vendono oggetti e souvenir, il porticciolo e le brevi vie del centro, mi piacciono le abitazioni, molto tipiche. In una di queste adibita a ristorantino, mi fermo a mangiare qualcosa di caldo e ripararmi dal tempo infame. Ho il treno di ritorno in un paio d’ore, desisto dal fare un coast to coast, piove troppo e preferisco lasciarmi alle spalle qualche esperienza in sospeso, sono ottime scuse per ritornare in qualche posto.

Il treno si riempie subito, la pioggia ha consigliato i tanti alla scoperta di questo bel posto, di porsi al riparo. Mi rimane ancora un giorno da trascorrere sul mar baltico, sfortunatamente la pioggia sembra volermi fare compagnia ma nel pomeriggio della domenica il cielo si apre e lascia spazio ad un bel sole, vado in spiaggiaa trascorrere le ultime ore di questa bel tour nel nord della Polonia. Credo che ritornero’ da queste parti. Il mattino seguente mi rimetto in viaggio, verso …

gdanskstreetart

 

 

Advertisements

Couchsurfing is dead, long live at couchsurfing!

cs I wanted to write something about couchsurfing (CS to make it shorter) long time ago but I couldn’t find the right moment for it. Now it is. As per the picture, I wanted to stay one night in Bratislava and, after sending 10 (TEN) requests I received only one response that was negative.

Wouldn’t you say that CS is dead? I would and here are some more reasons.

I have joint CS recently, in December 2009, when I finally moved to a bigger place so that I could have hosted someone. Right! because the original idea of couchsurfing was this one: to HOST an unknown traveller and to get HOSTED by someone you have never met before. To me it sounded incredibly nice and I was happy to try it!

Despite living in a small city in Czech rep, Brno, not really a touristic destination, I hosted couples of travellers within the first two years, then I started to travel and I had wonderful experiences being hosted by someone (with whom I am still in touch, Laura from Brasov and Sara from Constanta, both in Romania for examples).

This was long time ago, unfortunately. As for the picture shown at the beginning of the post, it became impossible to find someone able and willing to host – unless you are a girl, I wonder why…

I have a bit of experience, 27 positive reviews (only positive!), an updated profile with all kind of information, so what is wrong with the actual CS?

Well, many things. Starting from the moment when CS became a corporation (yes, suck lovely idea is since 2011 a fu.kin corporation!), many old and committed members of the community signed out and founded another free hosting one: bewelcome

However the issues were already before, with CS becoming very popular and attracting new people that were not aware nor bonded with the CS spirit. What is a CS spirit? Easy, as the website states: ‘Travel the world, explore your city and host new friends. Couchsurfing is the world’s largest travel community.’ Travelling, hosting and get hosted by someone.

Nowadays most of the members join the community either to sleep for free or to ‘meet new people’. How? Try to search for a couch and see the amount of members that are not offering it or that joint CS only to ‘coffee and chat’.

Yes, that is the REAL problem. CS is now a social network if not even a dating platform, people would rather join the CS events, party and social activities more than travelling and using it for the original purpose.

Having fun, meeting new people is NOTHING bad, of course, but joining a travelling website ONLY to drink during the parties and socialize with foreigners it IS! This is the new trend and it will not change. I tried to search for a couch in several cities, sending dozens of request (yes, the website itself suggest to send an high number of requests…), receiving ONLY negative answers or not even them.

I don’t want to go to details about another ‘HOT’ and controversial topic, people joining CS to have sex… Most of couchsurfers know what I am talking about, the website was nicknamed ‘cocksurfer’ for some reasons.

I can tell you my HONEST experience, I had NEVER done anything, sexual related, either with a host or a guest. I might be stupid but I had respect for the original idea and I never wanted to spoil it. Once, in Poland I refused to ‘share’ a bed with the girl that was hosting me. It was not because I didn’t like her, I explained her that I considered her as a CS host and that I would have come back to her place under different ‘motivation’, if she wanted. So she did and I came back to poland few weeks after.

However I’ve heard many stories (funny or weird to say the least) from other members. Again, there is NOTHING bad in having attraction from someone unknown, so I don’t want to judge this point and people who ‘had fun’ thanks to CS, however many times it was the ONLY reason to use CS and in many cases it went too far.

Eventually I discovered that staying in a hostel is much funnier, hostels are (usually) in very good location, I can have my own freedom to do what I want, go to bed or wake up at any time I want and meet interesting people and travellers, as the first people I met with CS were

Couchsurfing is dead, long live at couchsurfing!

Spagna e Marsiglia

madridNon andavo in Spagna da diversi anni, non che abbia girato per bene questo bel paese, anzi. Per cui una decina di giorni erano quasi necessari e ne avrei fatti volentieri di più se non fossi dovuto arrivare a Marsiglia nei giorni in cui ci giocava il Napoli.

Il tour spagnolo è iniziato a Madrid, la capitale. Dall’aeroporto ho raggiunto il centro in treno, fino ad Atocha, a differenza della metro costa la metà, anche se ha solo 2 corse all’ora. Poi a piedi fino all’ostello dove avevo prenotato un paio di giorni. Anche se Madrid non è sul mare e d’inverno può essere molto fredda, il clima, rispetto a Milano è molto più gradevole.

madridpalazzoMi vesto adeguatamente, bermuda e t-shirt e vado in centro, nella piazza reale, godendomi un caldo sole mentre addento un panino con ‘jamon’ che mi sono fatto acquistando gli ingredienti in un supermercato, una fresca san Miguel accompagna questo pasto frugale ma gustoso. La piazza è grande, circondata da palazzi d’epoca e porticati, i tavolini dei bar adornano più della metà della superficie, numerosi turisti fanno foto tra i piccioni ed ‘artisti di strada’ di bassissima qualità.

Mentre mi sposto verso un’altra zona della città mi fermo al ‘museo del jamon’, attirato dai prezzi imbattibili: 1€ per una cerveza, lo stesso prezzo per un boccadillo di jamon. Devo provare.

L’atmosfera è godibile, un grosso bancone ovale è pieno di avventori che consumano mentre discutono amabilmente in tipico chiassoso stile spagnolo. Dopo qualche minuto d’attesa riesco a trovare un buco anche io ed ordino da bere e da mangiare. Il panino è striminzito e la qualità del prosciutto è scadente, ma per 1 € come chiedere di più?

Rientro in ostello e mi riposo un po’, in serata vado ad un incontro organizzato dalla comunità locale di couchsurfing, mi ritrovo a parlare per un paio d’ore con dei simpatici ragazzi, alcuni spagnoli, altri stranieri.

madridristoIl giorno seguente faccio conoscenza con Franziska, una bella ragazza tedesca, che dorme sopra al mio letto a castello, andiamo al free walking tour che parte dall’ostello. Dopo essere passati a prendere altri ragazzi da altri due ostelli iniziamo il giro e devo dire che la guida è veramente simpatica e preparata. Si tratta di un ragazzo sudamericano che sa raccontare benissimo le storie legate a Madrid. Andiamo, tra l’altro, dentro il più antico ristorante del mondo ed il palazzo reale dove assistiamo al cambio della guardia. Ci racconta, inoltre, che il museo del Prado ed il palazzo reale hanno l’ingresso libero dopo le 18.

A pranzo ritorno al museo del jamon per addentare qualcosa di veloce, poi rientro in ostello dove conosco Jakub, un giovanissimo ragazzo tedesco che sta iniziando il suo giro del mondo. Quando rientra anche Franziska, andiamo a bere in centro, gli racconto che conosco questo posto dove una birra costa 1€ e ne sono contenti. Rientriamo in ostello verso le undici, non prima di aver preso altre birre, finendo per berle nell’atrio, insieme ad altri che sono li a rilassarsi. Il giorno dopo decidiamo di andare a vedere Toledo.

Ci andiamo utilizzando blablacar, allo stesso prezzo di un bus, 5€ ciascuno troviamo un passaggio con un tizio che va a toledo per lavoro, parla poco inglese e quindi sono l’unico che riesce a scambiare qualche parola di conversazione con lui durante i 45 minuti di viaggio. Ci lascia appena fuori le mura del centro ed iniziamo ad addentrarci in questa bella città, in stile medioevale.

Quando arriviamo in centro ci separiamo, Franziska vuole vedere museo, mentre io preferisco vedermi la città passeggiando, Jakub viene con me, ci diamo appuntamento dopo un paio d’ore.

Mentre camminiamo un gruppetto di ragazzine in gita ci saluta calorosamente ‘hola guapo!’, non so se si riferiscono a me o al tedesco Jakub, sta di fatto che sorridiamo educatamente e proseguiamo, troppo piccole per me, troppo fidanzato Jakub.

toledoToledo è bellissima! Una cattedrale da sogno, vie strette, mura antiche la rendono davvero piacevole per una visita. Ci ritroviamo senza problemi con Franziska, sto con 2 tedeschi e non avrei pensato di perdere un appuntamento. Pranziamo dopo aver acquistato dei panini, formaggio e prosciutto in un negozietto, ci sediamo su una panchina ammirando il panorama delle colline che circondano la città.

Riprendiamo la visita, la ragazza continua a girare per musei, continuando a darci appuntamenti che vengono attesi scrupolosamente, decidiamo di rientrare a Madrid con lo stesso signore che ci aveva portati qui, Juan Antonio, lo contattiamo e concordiamo un orario nel pomeriggio, alla fine del suo giro d’affari. Dopo aver aspettato un po’ nel parco cittadino appena fuori le mura, rientriamo stanchi ma soddisfatti verso l’ostello.

madridbocadilloLi porto a mangiare un boccadillo con calamari, specialità di Madrid, in un locale famoso appena prima della piazza reale, poi rientriamo in ostello dove trascorro la serata a parlare con un ukraino.

Il giorno dopo Jakub ci saluta, destinazione Istanbul, rimango a parlare con una simpatica signora francese, un po’ strana, anche lei in stile hippy, poi anche io preparo lo zaino, dopo pranzo ho un viaggio verso Valencia, faccio un ultimo giro in centro, mangio l’ultimo panino con calamari e faccio conoscenza con due giovani tedesche che lavorano come au-pair in città. Beate loro! Impareranno lo spagnolo e si godranno il clima migliore che in germania. Rientro in ostello per riprendere lo zaino, salutare franziska, che ricorderò per i suoi piedi, visto che camminava scalza in città, in armonia con il suo stile hippy.

Peccato che non li lavasse, almeno la sera, prima di andare a dormire, per cui lo strato di sporco e nero era ormai talmente consolidato che emanava un fastidioso olezzo. Ma a guardarla negli occhi si dimenticava questo particolare. Salutata Franziska, mi dirigo verso la ciudad universitaria, dove ho un appuntamento con Julia, trovata tramite blablacar. In Spagna i costi dei treni sono assurdamente alti, mentre gli autobus sono lenti. Il modo migliore per viaggiare è, quindi, tramite blablacar. In perfetto stile iberico la ragazza arriva con un po’ di ritardo, poi ci dirigiamo verso una zona della città completamente opposta a dove ci siamo incontrati, impiegandoci una buona mezz’ora, avrei potuta aspettarla anche io li, risparmiando del tempo, ma tant’è! L’auto è piena, sono seduto dietro insieme a due ragazze che non parlano inglese, un ragazzo, collega di studi di Julia siede davanti.

blablatoroIl viaggio prosegue un po’ noiosamente, visto che non ho la voglia di inserirmi nei discorsi in spagnolo, mi accendo solo davanti alla vista dei famosi tori, in enormi cartelloni pubblicitari, che sono diventati uno dei simboli del paese. Arriviamo a Valencia in serata, mi accompagnano proprio vicino all’ostello che ho prenotato, mi cambio velocemente e contatto Jonny, un irlandese conosciuto a Ljubljana che vive a Valencia insegnando inglese. Ci diamo appuntamento in un irish bar non distante dal centro, prima di arrivarci mi fermo a mangiare un (pessimo) boccadillo con frittata di patate. Jonny sta guardando le partite, qualificazione ai mondiali brasiliani, la sua irlanda è già eliminata mentre un gruppo di inglesi soffre mentre l’inghilterra gioca in montenegro.

Non sono molto in vena, oltre ad essere stanco, saluto jonny e rientro in ostello. L’atmosfera nella sala comune non è delle migliori, ci sono un paio di ragazze canadesi ed un italiano di rimini che ci prova, senza molto successo. Io saluto e vado in camera dove verrò disturbato da un tizio che russerà tutta notte.

Il giorno dopo mi faccio un giro nel letto di quello che era il fiume della città, dopo un’inondazione è stato completamente prosciugato ed ora è un bellissimo parco cittadino. Ho appuntamento con Jonny nel pomeriggio, giro un po’ il centro, trovo un posto che fa una ‘cana’ (cagna in spagnolo, bicchiere di 20 cl) di birra con un montadito (piccolo antipastino, spesso un pezzetto di pane con fetta di salame/prosciutto) ad 1€. La birra è freddissima, forse per coprirne la pessima qualità, ma non mi posso lamentare, rientro in ostello per mangiare qualcosa di sano, un po’ d’insalata che avevo comprato in un supermercato la mattina.

valencia pinchosCon jonny facciamo un giro in città, poi mi porta in una bella zona di Valencia, un po’ alternativa, entriamo in un cafè letterario molto bello, l’UBIK cafè, la domenica mattina mi dice che ci fanno jazz e brunch, beviamo un paio di birre artigianali e poi andiamo in un vicino locale a bere altre birre e provare degli ottimi ‘pinchos’, fette di baguette ricoperte di ingredienti varii, qualcosa tra la tapas ed il montadito. Dopo un paio di pinchos che servono a riempire lo stomaco pieno di birra, ritorniamo in centro dove ci raggiungono due amici cileni di Jonny. Restiamo a parlare un po’, li saluto quando decidono di andare in un club, il giorno dopo voglio dedicarlo al mare ed al sole.

Valencia e la Spagna non tradiscono, anche se siamo a fine settembre il clima è caldo ed il sole alto, mi preparo lo zaino e mi incammino fino alla spiaggia cittadina, devo percorrere tutto il percorso del fiume, passare dalla zona della moderna città della scienza e dell’arte, attraversare il quartiere popolare vicino al mare ed ai cantieri dove stanno i box delle barche che hanno disputato la coppa america di vela.

valenciamareLa spiaggia ripaga della lunga camminata, immensa, bella, pulita, organizzata benissimo, con postazioni di soccorso, bagni pubblici, spazi per fare sport, bar e ristoranti ed ogni altra cosa potrebbe servire.

Al mattino sono prevalentemente persone anziane a frequentare la spiaggia ma con il passare delle ore arrivano tantissimi giovani a godersi i raggi del sole. Non ho con me il costume e nemmeno un telo per sdraiarmi, quindi continuo a camminare vicino la riva. Mi mangio i panini che mi ero preparato in mattinata, poi rientro verso l’ostello, senza scarpe e maglietta, per prendere un po’ di colore.

Il fiume è ancora pieno di gente che fa sport, biciclette, corsa, campi da calcio, zone per far giocare i bimbi.

valencia valenciaarte

valenciamercatoIl giorno dopo faccio un giro ‘turistico’ della città, vado nel bel mercato al coperto ed ammiro i bei palazzi del centro, poi ritorno a camminare sul fiume, godendomi il fresco e la vista di chi fa sport, in ostello conosco un gruppo di brasiliani/e, studiano in spagna, il loro governo paga per l’alloggio ed il viaggio, loro ne approfittano per viaggiare in Europa, ci diamo appuntamento a barcelona, tra un paio di giorni ci ritroveremo lì. Per me la partenza è il mattino seguente, vicino la plaza de toros.

Ancora una volta con blablacar, chi guida è un olandese che vive in Spagna da tanti anni, va a Barcelona per affari, in auto gli altri parlano poco, c’è uno spagnolo ed una spagnola che non parlano inglese, un brasiliano che studia in Francia che non è il massimo della simpatia ma con cui riesco a scambiare qualche chiacchiera e racconti di viaggio. Arriviamo in centro, vicino placa de catalona, prendo la metro per arrivare in ostello, vicino la zona del Parc Guell, infatti la prima cosa che faccio, dopo aver sistemato lo zaino in camera, è visitare questo posto fantastico, reso fantastico dal genio di Gaudì.

barcepedreraDopo il Parc Guell vado a piedi verso il centro, attraverso il bel quartiere del ‘Gracia’, fino alla casa Pedrera.

La mattina dopo, il sole spende forte e voglio ritornare al Parc Guell, godendomi il panorama della città, lasciandomi baciare dei raggi del sole, ascoltando la chitarra di un tizio fuori di testa, un rocker strampalato ma carico di energia positiva e simpatia. In ostello conosco una ragazza boliviana che lavora lì, mi racconta di come sia difficile vivere in Europa rispetto al suo paese, della mancanza di rispetto per le persone, gli immigrati, la natura, di come da noi ci sia troppa frenesia, rincorsa del denaro come unica fonte di felicità.

barcasagradaNel pomeriggio vado verso il centro, arrivo alla Sagrada Familia, poi, a piedi, nel centro storico, il bellissimo Barrio Gotico, la plaza real, la rambla, fino alla zona dl porto, vicino la statua di Colombo. Mi godo le ultime ore di sole, poi rientro in ostello dove conosco due simpatici argentini, che vivono alle canarie.

Uno fa ‘giocoleria’, ha vissuto in italia, mentre l’altro non parla altro che spagnolo ed è ad uno dei suoi primi viaggi fuori dall’isola. Trascorriamo la serata a parlare del più e del meno, dandoci appuntamento per il giorno dopo e per scoprire Barcelona. Rifaccio il giro della città in loro compagnia, fino alla rambla, poi rientro in ostello a prepararmi un piatto di pasta. Avrei dovuto incontrare una ragazza ungherese che vive a Barcelona e che avevo conosciuto a Budapest, ma alla fine mi dice che sta male e non può. Ragazze …

barcaramblaMeglio così, mentre mi sto facendo un giro in centro vengo colto da un improvviso mal di pancia e devo rientrare in ostello velocemente. Il giorno dopo rivedo gli argentini che avevo incontrato a Valencia, ci diamo appuntamento davanti casa Battlò, visitiamo il barrio Gotico e la Ciudad Vieja, il mercato, la rambla, poi ci salutiamo, rientro in ostello a mangiare per risparmiare soldi, ritrovo i due argentini, facciamo conoscenza con un ragazzo giapponese, solo dopo un paio d’ore di risate e chiacchierate capiamo che il ragazzo, Kaoru, non capisce quasi niente d’inglese e di tutto quello che avevamo detto.

Eppure rideva di gusto ad ogni nostra battuta, mah !!!! in serata si unisce a noi anche una ragazza olandese ed una russa, decidiamo di organizzare una cena in ostello, mi offro come cuoco per preparare pasta per tutti, compriamo da bere e da mangiare, verso le 20 mi metto ai fornelli ed inizia una bellissima cena alla quale si aggiungono un americano ed una ragazza metà giapponese e metà russa, Misa. Ci sono 2 argentini, un americano, un giapponese, una russa che vive in arabia saudita, un’olandese, una russa/giapponese ed un italiano seduti allo stesso tavolo, raccontandosi storie. Il bello di viaggiare è proprio questo!

barcacenaGrazie alla ragazza giapponese scopriamo qualcosa in più di Kaoru, è un artista che a casa sua lavora la roccia, facendo sculture molto apprezzate, ha deciso di venire a Barcelona per lavorare alla Sagrada Familia, infatti uno degli architetti che guida i lavori dell’opera d’arte è giapponese. Ogni giorno Kaoru si reca alla Sagrada Familia e chiede di lavorare, anche gratuitamente. Pian piano raccontiamo, ognuno di noi, una parte della nostra vita, l’americano insieme a Misa fanno giocoleria in giro per il mondo, i due argentini sono li per acquistare un auto che poi rivenderanno alle canarie, la ragazza olandese è in viaggio da 2 mesi, anche la ragazza russa, anche se gli manca già il medio-oriente ed il deserto.

barcasurfIl mattino seguente vado in spiaggia, il tempo è perfetto, caldo e assolato, quando arrivo inizia a fare ancora più caldo, è sabato, la gente inizia ad affollare la zona di barceloneta, le spiaggie sono piene anche se solo una decina di surfers sfida il freddo delle acque, il resto si gode il sole, passeggiando, bevendo qualcosa o mangiando un gelato. Ascolto una bravissima orchestrina improvvisata, la musica da strada mi mette di ottimo umore, sempre. Mi compro del pane e del prosciutto, insieme ad una birra fresca, la dieta a base di panini non mi stanca mai. Penso che siamo ad ottobre, in altre zone d’europa i primi freddi saranno già arrivati, mentre qui fa ancora molto caldo, vivere in Spagna non è proprio male!

barcamusica barcaplaya

Rientro in ostello, dove poco alla volta rientrano tutti da questa fantastica giornata, vorremo ripetere la cena di ieri ma i due argentini devono andare a cercare un posto dove stare, visto che l’ostello è pieno, con Kaoru e la ragazza olandese decidiamo di andare in centro a bere qualcosa, propongo un posto dove c’è un meeting di couchsurfing ma arriviamo troppo presto, c’è poca gente ed il locale è brutto, passeggiamo in zona rambla, poi nel quartiere vecchio, senza trovare un posto che ci piaccia per fermarci, così ci dirigiamo sul lungomare, ritrovandoci sulla spiaggia ad ascoltare ognuno la musica degli altri, una specie di dj set improvvisato e con incredibili risultati. Ridiamo e siamo contenti, una serata trascorsa a divertirsi senza bisogno di alcool, pub, discoteche, quelle che preferisco.

barcaguell2 barcamercato  barcaporto  barceparcguell

marseilleflicheIl giorno dopo sono di nuovo in partenza, direzione Francia e Marsiglia. Non ho trovato nessun passaggio con blablacar, quindi parto in autobus, quasi 45€ per poche centinaia di km. Il viaggio scorre lento, attraversiamo i pirenei, il clima cambia, grigio e pioggia, i paesi francesi che attraversiamo sono desolati e desolanti rispetto ai ridenti paesi spagnoli. Per fortuna a destinazione mi aspetta Valentine.

Ci siamo conosciuti in Romania, a Costanta, entrambi ospiti couchsurfing di Sara. Valentine mi ospiterà a casa sua per una notte, poi andrò da un’altra ragazza contattata tramite couchsurfing, visto che gli ostelli a marsiglia costavano troppo. Ci troviamo alla stazione degli autobus, andiamo a casa sua a lasciare il mio zaino ed inizia a farmi conoscere la città. Prima la Fliche, una zona ripulita e destinata a centro giovanile, poi andiamo verso il porto, mi spiega i quartieri circostanti, quelli ‘difficili’, quelli più di classe ed altolocati.

marseillecouscousMangiamo un couscous in un ristorante tipico arabo, questa città è molto poco francese e molto mediterranea, nord-africana, l’influenza delle comunità di immigrati è fortissima, somiglia più a Napoli, Barcelona, Genova. Finiamo la serata bevendo un pastis, il liquore tipico, al gusto di anice, che avevo imparato a conoscere leggendo uno dei miei scrittori ‘noir’ preferiti, Jean Claude Izzo.

Il giorno dopo facciamo un’abbondante colazione e poi andiamo a fare un giro alle calanque, bellissime baie appena fuori dal centro abitato, ci arriviamo prendendo il bus 21, non prima di aver fatto un giro al mercato cittadino, nel quartiere nero della città (città della cultura europea nel 2013), tra odori di spezie profumatissime, di cibi dai sapori africani, tra colori accesi e rumori e voci vivaci. Prendiamo del cibo arabo che mangeremo una volta arrivati a destinazione. Dalla fermata degli autobus, vicino al centro universitario appena fuori città percorriamo una strada sterrata molto bella, circondati da vegetazione mediterranea. Poi iniziamo a scendere verso le baie naturali ricavate nella roccia. Uno spettacolo fantastico! Il mare è agitato dal vento mentre il sole ci riscalda, mangiamo affamati le delizie comprate al mattino godendoci questo panorama incredibile.

marseillecala marseillecalanque

Risalire richiede un piccolo sforzo, un po’ di trekking che si può fare anche se non si è ben attrezzati come nel nostro caso. Durante il tragitto Valentine mi racconta del suo progetto, insieme a delle amiche ha occupato una vecchia casa nelle montagne svizzere, per mesi l’hanno sistemata alla meglio, ogni weekend, hanno raccolto legna e ci trascorreranno l’inverno, senza elettricità, acqua corrente e gas, solo con il camino e l’acqua ricavata dalla neve. Adoro Valentine perché è coraggiosa! Quando ci eravamo conosciuti mi aveva raccontato dei suoi viaggi in nord-africa, da sola, zaino in spalla e poi in romania, ora quest’altra avventura. Rientriamo in città, riprendo il mio zaino, ci beviamo un’ultima birra e poi ci salutiamo, devo incontrare Laurienne, sarò suo ospite per due giorni.

Quando citofono a casa sua mi viene ad aprire la porta e poi scappa in casa, entro guardingo, la saluto e noto che è molto timida, non la classica couchsurfer che ti accoglie a braccia aperte e chiacchierando.

Con il passare dei minuti iniziamo a familiarizzare ed a parlare, aspettiamo che arrivi un suo amico, un italiano che trascorre molto del tempo a nostra disposizione raccontando e vantandosi delle sue conquiste amorose. Quando va via mi racconta che tipo di amicizia avevano e capisco l’alone di malinconia che l’avvolge. Ha terminato da poco una storia d’amore ed è ancora in fase critica, parliamo per molto tempo finchè non ci accorgiamo che è tardi e lei il giorno dopo deve andare a lavoro.

Mi lascia le chiavi di casa e ci diamo appuntamento la sera seguente, andremo a vedere la partita tra Marsiglia e Napoli in un bar in città. Il giorno dopo vado in centro, alla scoperta della città, nella zona del porto. Vengo contattato da un amico che mi informa che c’è un ragazzo egiziano che andrà a vedere la partita del Napoli e se posso fargli compagnia intanto che il gruppo di tifosi del Napoli non arrivi in città.

marseilleportoPer me è perfetto, visto che sono da solo. Ci troviamo facilmente ed iniziamo a girare la città, parlare, bere birra. Amir è del Cairo, ascolto le sue storie con attenzione e lui fa altrettanto con le mie, visitiamo la bella zona del corso Julie con diversi bei localini ed i murales, poi rientriamo verso il porto bevendo un paio di birre in un pub di tifosi del Marsiglia, verso le 19 ci salutiamo, lui va verso lo stadio io a casa di Laurienne. Scendiamo subito alla ricerca di qualcosa da mangiare e di un posto dove vedere la partita, andiamo in una zona dove ci sono bar con tv e tavolini e sedie disposti all’aperto. Ci sono tante persone a guardare la partita ed io sono l’unico felice per il risultato J

Prendo in giro Laurienne mentre rientriamo a casa, ci dobbiamo anche salutare, visto che al mattino presto ho l’autobus che mi riporterà a Milano. Il viaggio è finito. Spero di tornare a visitare Marsiglia, Valentine e Laurienne.

marseillemercato  marseilleportoo