Tag Archives: spiaggia

Gdansk (part two)

gdanskmostri This page is in both english unionjack and italian version (with more pictures).

 

Questa pagina ha anche una versione italiana italy la trovi dopo il racconto in inglese

 

Continuing from here.

Where was I?

Ah yes, the italian dinner (badly managed) and the Polish one (well managed). After a couple of relaxing days spent at the beach, it was time to explore the area a little more. By walking I reached Sopot, the second of the three cities.

sopotFrom the Olive hostel could be about 4/5 km, however it is a beautiful walk, beside the beach, there is’ a pedestrian and bicycle path, very nice, you can admire beautiful holiday homes, restaurants, camping sites, all under a fresh vegetation for most of the entire path.

Once in Sopot I was a little disappointed, too touristy and plastic’ location. Even to enter the famous pier you have to pay, I leave it to the tourists this privilege, then I headed to the center, to see the famous house built with the unique drunken’ effect , but again another disappointment here, the trees at the front impede the full view, moreover the signs of the bar and restaurants chains are too invasive. I’ve had enough of Sopot and its high-class’ tourism, with many Germans and Scandinavians, in addition to the rich Polish, coming here. Better my working class favorite beach.

gdanskmilkbarThe whole way there by the seashore is a nice walk. For lunch I decided to try the famous milk bar’ Kmar, located a few hundred meters from the Olive hostel where I am staying. I knew that the only spoken language there was Polish, however I was counting on my previous experiences in many other bar mlekzny, so I got in, stay in line, take my tray and wait to order what I know. When the lady came to serve me I replied what I familiar within the Polish food specialties, unfortunately, to my surprise, the lady told me something, in Polish, I did not expect that our conversation would continue, just guessing I made a wrong order, I tried to change it, but the lady insisted to tell me something, pointing to the end the row. Fortunately, a young Polish man came to soccur me, explaining, in English, that I could order at pay desk, she was there to take only orders for soups. Good to know! Once paid I had to wait for the food to get ready and announced, to tell the truth, it took a way too much time, I was not the only one to wait for a long time. Anyway, I always recommend the milk bar, they are good and super cheap, but having someone who speaks Polish is almost necessary.

gdansknightOnce in the hostel I met a guy, newer, just arrived, he told me his sad adventure on the overnight train from Wroclaw, while he was sleeping, someone stole his backpack with laptop and money. He came to Gdansk to work as a lighting technician, for concerts, events and evenings, as the Baltic coast in summer has a lot to offer. I decide to invite him to drink a beer in the evening. Let’s go to Gdansk! He leads me, first to see a small hill behind the town, from where you can see all the city and the night lights.

Then we went to a pub owned by a friend of him, where you can find great beers, not the usual commercial ones. The Palupka. In the same street where this pub is located, there are different bars, in one a band was playing jazz, so we took a sit outside, on the sidewalk, listening to nice music and get to know with a Polish guy who had the same idea, we started to exchange travel considerations about the cities we had seen and so on, sharing experiences. Always nice to meet someone who loves to travel.

After a couple of beers, I decided to return to the hostel, the next day I want to go for a little hike and I have to wake up early. The usual suburban train is always on duty, even at night, the tickets can be bought from the conductor, at the head coach of the train. My partner prefers to stay outside, I saw him again the next morning, getting back, completely drunk and with a disgusting stain on the back of the pants, but you know, the Poles drink a lot

oliwa catedralFor me it is time to see the cathedral in Oliwa district, at short walking distance from the hostel, inside it has one of the biggest pipe organs in Poland and Europe.

As usual, I do not enter the churches, my position is simple, I have no respect for such institution, so I do not enter into any religious building of any religion.

The cathedral is located in a beautiful park, too bad it has to be the day of sh.t, because while I was walking among the trees I felt something on my shoulder.

Yes, one of the many pigeons decided to leave me a memory of its existance …

I hate people like that feed them!!

 

gdanskroadoffreeIn the afternoon I meet a girl in Gdansk, contacted through couchsurfing site, Karolina, it makes me see the place where he lives, but lately has lived on the road, working on a cruise ship.

We had a nice time, telling ourselves something about our lifes and we spend a lovely afternoon, we sawe the area where solidarnosc and the protests against the Communist regime began, with Lech Walesa had his speech to the Polish workers and started his political career.

The Road of FREEDOM is an important sight of Gdansk, here all started.

We ended the evening in a quiet cafe, where we had a delicious apple pie. Later I continued to visit Gdansk, fascinated by the colors, the people around me, the bank of the river Motlawa, cobbled streets, beautiful palaces and the impressive Mariacka, the street with the amber shops.

heltrainThe next day I went to Hel! No, I’m not swearing, Hel is the name of a small village at the end of a strip of land a few kilometers from Gdansk, a narrow peninsula.

I went there by train, it is perfect for a day trip. From Gdansk to Gdynia, the third of the town, there you catch a regional (ICs costs too much and the journey takes only about ten minutes less), return ticket is less than 10 .

The train is full of people that go on vacation on this peninsula, it was raining and the view was not the best, but I could appreciate the journey, on the one side, the right, I could see the baltic sea, while on the left one a beautiful pine forest and then you can see the other side of the sea, all will be two hundred metres wide, unique and evocative as a place.

helIn HEL to the rain becomes more intense, I had time to visit the beach where they put a focarium, few stands for selling souvenirs and such, the marina, the port and the city centre, I liked the cosy houses, very typical. In one of them, turned into a restaurant, I stopped by to eat something warm and have a shelter from the infamous time. I’ve got the train back in a couple of hours, desist from doing any coast to coast hiking, it rain ‘cats and dogs’, too much for me and sometime I prefer to leave behind some outstanding experience, those are good excuses to return somewhere.

The train fills up quickly, the rain has advised many to end the visit. I still have a day to spend on the baltic sea, unfortunately the rain but the company seems to want me to do on Sunday afternoon, the sky opens up and gives way to a bright sun, I decided to go at the beach to spend the last hours of this beautiful tour in northern Poland . I think I will return hereThe next morning I get back on the road, towards …

gdanskbeach gdanskbeachtwo

gdansknubi gdanskfiori

 

—————————————————

italy

Continua da qui.

Dove ero rimasto? Ah si, la cena italiana (riuscita male) e quella polacca (riuscita bene). Dopo un paio di giornate di relax in spiaggia, inizio a farmi venir voglia di esplorare un poco la zona. A piedi raggiungo Sopot, la seconda delle tre citta’. Dall’ostello saranno circa 4/5 km, che sono una bellissima passeggiata, fiancheggiando la spiaggia, c’e’ un percorso pedonale e ciclabile, molto bello, si ammirano belle case da villeggiatura, ristoranti, campeggi, il tutto sotto una fresca vegetazione per lunghi tratti.

sopotmoloUna volta a Sopot resto un poco deluso, troppo turistica e ‘plastificata’. Addirittura per accedere al famoso molo si deve pagare, lascio ai turisti pensionati questo privilegio, mi dirigo verso il centro, a vedere la famosa casa costruita con effetto ‘ubriacatura’, anche qui delusione, gli alberi davanti impediscono la visione completa, in piu’ le insegne delle catene di bar e ristoranti sono troppo invasive. Ne ho abbastanza di Sopot e del suo turismo di ‘alto bordo’, molti tedeschi e scandinavi, oltre ai polacchi ricchi, vengono qui.

Rientro alla mia spiaggia preferita, decidendo di farmela via battigia. A pranzo decido di provare il famoso ‘milk bar’ Kmar, che si trova a poche centinaia di metri dal Olive hostel dove alloggio. Sapevo che l’unica lingua parlata fosse il polacco, ma contavo nella mia esperienza in altri bar mlekzny, quindi mi sono messo in fila, ho preso il mio vassio e quando la signora mi ha chiesto cosa volevo ho risposto con il cibo polacco che conoscevo, purtroppo, per mia sorpresa, la signora mi ha detto qualcosa, in polacco, non mi aspettavo che la nostra conversazione continuasse e quindo non capivo cosa stesse succedendo, ho provato a cambiare ordinazione, ma la signora insiste a dirmi qualcosa, indicandomi la fine della fila. Per fortuna un giovane polacco mi ha dato una mano, spiegandomi, in inglese, che potevo ordinare alla cassa, li era solo per le zuppe. Quindi arrivo a pagare, ordino e aspetto seduto che preparino quanto ho chiesto, impiegano un poco, a dire la verita’, divento nervoso, scopro di non essere il solo ad attendere da tanto per quanto richiesto. In definitiva, consiglio sempre i milk bar, sono buoni e super economici, ma avere qualcuno che parli polacco a portata di mano e’ quasi necessario.

Una volta in ostello faccio conoscenza con un ragazzo appena arrivato, mi racconta la sua triste avventura, sul treno notturno da Wroclaw, mentre dormiva, gli hanno rubato lo zaino con il laptop ed i soldi. Era venuto a Gdansk per lavorare, come tecnico delle luci, a concerti, eventi e serate, visto che la costa baltica in estate ha moltissimo da offrire. Decido di invitarlo a bersi una birra, in serata. Andiamo a Gdansk, mi porta a vedere una piccola collina alle spalle della citta’, da dove si possono ammirare tutti i colori e le luci notturne.

gdanskviaPoi andiamo in un pub di un suo amico, dove si possono trovare ottime birre non commerciali. Il Palupka. Nella stessa strada ci sono diversi locali, in uno suonano jazz, ci fermiamo a sedere sul marciapiede ascoltando bella musica e facendo conoscenza con un polacco con il quale scambio considerazioni sui viaggi e sulle citta’ viste, mi racconta della sua esperienza a Napoli ed io gli dico cosa penso della Polonia. Sempre bello incontrare qualcuno che ama viaggiare.

Dopo un paio di birre, decido di rientrare in ostello, il giorno dopo voglio andare a fare una piccola escursione e devo svegliarmi presto, rientro in ostello con il solito treno metropolitano. Che e’ sempre in servizio, anche la notte, il biglietto si puo’ comprare dal capotreno, al vagone di testa del convoglio. Il mio compagno di ostello preferisce rimanere, lo rivedro’ rientrare la mattina seguente, completamente sbronzo e con una macchia inquietante sul retro dei pantaloni, ma si sa, i polacchi bevono molto …

Vado a vedere la cattedrale di Oliwa, a breve dustanza dal ostello, al suo interno ha uno degli organi piu’ grandi in Polonia, come al solito, non entro nelle chiese, la mia posizione e’ semplice, non ho rispetto per l’istituzione chiesa, per cui non entro dentro alcun edificio religioso, di qualsiasi religione, per intenderci, spero che chi mi legge sia contro la mafia e che non entrerebbe mai in una casa di un mafioso …

La cattedrale si trova in un bellissimo parco, peccato che deve essere la giornata delle ca..te, visto che mentre cammino tra gli alberi sento qualcosa sulla mia spalla. Si, uno dei tanti piccioni ha deciso di lasciarmi un ricordo … come odio la gente che gli da anche da mangiare!!!!

gdanskgaleoneNel pomeriggio incontro una ragazza a Gdansk, contattata tramite couchsurfing, Karolina, mi fa vedere il posto dove vive, anche se ultimamente ha vissuto in viaggio, lavorando in una nave da crociera.

Ci raccontiamo qualcosa delle nostre vite e trascorriamo un bel pomeriggio, mi fa vedere la zona dove solidarnosc e le proteste contro il regime comunista ebbero inizio, con Lech Walesa ed il suo discorso ai lavoratori polacchi. Il Road of FREEDOM.

Finiamo la serata in un tranquillo cafe, dove mangiamo una squisita torta alle mele. Ci salutiamo ed io continuo a girare per Gdansk, affascinato dai colori, dalla gente. Ritorno a visitare la riva del fiume Motlawa, le strade ciottolate, i bei palazzi e la suggestiva Mariacka, la via con le botteghe di ambra.

helIl giorno seguente vado a Hel! No, non sto imprecando, si tratta di un paesino alla fine di un lembo di terra a pochi km da Gdansk, una penisola strettissima, la percorro in treno. Da Gdansk a Gdynia, la terza delle citta’, da li prendo un regionale (gli IC contano troppo ed impiegano solo una decina di minuti in meno), andata e ritorno a meno di 10 euro. Il treno si riempie di persone che vanno in vacanza su questa penisola, piove e la vista non e’ delle migliori, ma posso apprezzare il viaggio, da una parte, la destra, vedo il mar baltico, mentre sulla sinistra una bella pineta e poi si intravede l’altra sponda del mare, il tutto saranno duecento metri di larghezza, davvero unico e suggestivo come luogo.

Ad HEL la pioggia si fa piu’ intensa, faccio in tempo a visitare la spiaggia dove hanno messo un focarium, le bancarelle che vendono oggetti e souvenir, il porticciolo e le brevi vie del centro, mi piacciono le abitazioni, molto tipiche. In una di queste adibita a ristorantino, mi fermo a mangiare qualcosa di caldo e ripararmi dal tempo infame. Ho il treno di ritorno in un paio d’ore, desisto dal fare un coast to coast, piove troppo e preferisco lasciarmi alle spalle qualche esperienza in sospeso, sono ottime scuse per ritornare in qualche posto.

Il treno si riempie subito, la pioggia ha consigliato i tanti alla scoperta di questo bel posto, di porsi al riparo. Mi rimane ancora un giorno da trascorrere sul mar baltico, sfortunatamente la pioggia sembra volermi fare compagnia ma nel pomeriggio della domenica il cielo si apre e lascia spazio ad un bel sole, vado in spiaggiaa trascorrere le ultime ore di questa bel tour nel nord della Polonia. Credo che ritornero’ da queste parti. Il mattino seguente mi rimetto in viaggio, verso …

gdanskstreetart

 

 

Diario di viaggio: Budva&Montenegro

Budva 2011

Come da tradizione fantozziana, in questo viaggio la nuvoletta ci (in vacanza con il buon amico Spud) ha coompagnato anche in montenegro, dove su 7 giorni solo 2 di questi non ha piovuto…’tacci sui’!!!

Discorsi alla giuliacci a parte, eccomi a raccontarvi come, ho trascorso questa settimana di meritatissimo riposo.

Comincio col dire che essendo un amante dei balkani e della sua gente, avevamo deciso fin da subito di andare in montenegro, ma poi, avendo conosciuto una ragazza che ora lavora a creta, avevamo cambiato piani.

Per una serie di avvicendamenti, calcoli astrali con luna in ariete, congetture, crisi finanziarie, la supercazzola et varie, il destino ha voluto farci trascorrere una vacanza a Budva, la capitale turistica del piccolo stato montenegrino.

Giorno 1, sabato mattina.

Doveva essere una vacanza all’insegna degli eccessi, volevo fare pazzie (sulla scia del weekend a krakow) e cose che non faccio quotidianamente.

All’arrivo all’aeroporto di Brno, verso le 10, ho iniziato a bere birra per ‘riscaldarmi’.

Brno credo sia l’unico posto al mondo dove si possa bere ottima birra, alla spina, al bar dell’aeroporto, per 35 czk, meno di 1,5€.

In attesa del volo da praga dove avrei trovato Spud, per podgorica, ne ingurgito due mentre osservo il tiepido cielo ceco.

Al duty free compro altre 2 lattine di starobrno ed una bottiglia da 1 L di vodka ed una volta entrato e sedutomi di fianco al compagno di viaggio, brindiamo al decollo ed alla vacanza, attirando gli sguardi dei restanti passeggeri cechi.

Dietro di noi ci sono due ragazze ed inizio a ‘pasturare’, invitandole a bere con noi ma guadagno solo qualche sorriso, di fianco c’è un buon padre di famiglia che ci guarda divertito fino a quando Spud decide di versargli della vodka sui pantaloni facendolo risentire non poco.

All’arrivo all’aeroporto di podgorica uso una mia battuta tradizionale,  chiedendo alle guardie che ci controllano i passaporti, se siamo in montenegro…ridono, bene! Si sale sul bus, direzione mare. Ad accoglierci un’inaspettata pioggia che diventa tempesta tropicale quando scendiamo dal bus per farci 300 metri fino all’hotel a conduzione familiare. Non perdendo entusiasmo improvviso dei cori da stadio mentre ci inzuppiamo da capo a piedi. La prima cosa che facciamo, una volta arrivati è cercare qualcosa da mettere sotto i denti, sono le 16 circa.

Come in un miraggio nel deserto, vedo una ‘pekara’-panificio e ricordando lo squisito burek che mangiavo a Belgrado, lo propongo come soluzione al nostro problema, risultato: OTTIMO!

Facciamo il bis ed io per il resto della vacanza mangerò almeno una volta al giorno questa specialità, inaugurando questa tradizione.

Intanto il sole inizia a fare capolino e ci dirigiamo verso il centro storico, un antico borgo marinaro, molto grazioso se non fosse per il deturpamento generato dai milioni di negozietti con relative insegne che distruggono il bello stile medioevale delle mura e delle casette.

In serata ritorniamo verso il centro, seguiamo il consiglio di alcune ragazze serbe-bosniache che ci dicono di:

-andare alla spiaggia di jaz, per il miglior mare

-andare al ‘trocadero’, per la miglior discoteca-locale

Il primo consiglio lo rimandiamo alla seguente giornata, provando subito un pò di night-life, per cui Budva è tanto famosa, essendo paragonabile ad una rimini locale. In effetti il mare e la spiaggia cittadina fanno ca.are, ricordando la triste liguria, dove in un fazzoletto e metro quadro si ritrovano decine di persone.

Sul lungo mare, oltre agli yaght dei miliardari in bella mostra, ci sono ogni tipo di ristorante, pizzerie che offrono la speciale pizza ‘capricozza’ (diventerà un tormentone per me ordinare una capricozza, ovunque) bar e locali aperti dove la musica è letteralmente sparata ad altissimi decibel, credo che chi ci lavori perda l’udito molto velocemente.

Gli ingressi sono gratuiti, ma le bevande sono abbastanza care, per essere in montenegro. Beviamo un paio di drinks ed ammiriamo le ragazze. Sono tutte BELLISSIME!

Russe e serbe, le donne più belle d’europa concentrate in una cittadina. Davvero difficile focalizzarsi su una sola, ogni secondo ne passa un’altra piu’ bella. La musica del trocadero è balcanica, serba, la popolarissima turbo-folk. Tutti ballano e cantano, atmosfera unica, ma che mi stanca dopo una mezz’oretta.

La prima notte si conclude con un lauto pasto in uno dei tanti fast-food che offrono ottimo gyros, hamburger ed ogni tipo di carne alla brace. Da provare! Carne vera, non plastificata ed artificiale come siamo abituati a comprare, faccio uno strappo alla mia dieta ‘vegetariana’.

Giorno 2, domenica.

Colazione in terrazza e pronti per seguire il consiglio delle ragazze, direzione Jaz, distante 2 km, secondo la mappa che abbiamo recuperato. Chiaramente decidiamo di andarci a piedi. Dopo aver camminato fuori dalla città per alcuni minuti incrociamo due turisti a cui chiediamo informazioni, sono russi e l’unica cosa che ci dicono è ‘tunnel’.

Quando noi diciamo se dobbiamo girare s sinistra ‘do leva’ loro ci fanno capire che dobbiamo fare ancora altra strada…ed hanno ragione! Ci tocca entrare in un tunnel con le auto che sfrecciano alla nostra destra e proseguire per molti, molti km…altro che 2!

La strada è trafficata, senza marciapiede, tutta curve, ci rendiamo conto della boiata fatta ma non vogliamo tornare indietro, finalmente arriviamo a Jaz verso le 1030, almeno 1h e 30 minuti dopo la nostra partenza.

Il posto è carino ma niente di speciale. Trascorriamo un paio d’ore a goderci il sole e poi cerchiamo qualcosa da mangiare, per Spud è il solito hamburger, senza verdure, per me un gelato per placare la fame, vorrei qualcosa di buono al rientro in città, il burek al formaggio è diventato già il mio amore estivo. Non mi astengo però dal bere l’ottima Jelen pivo, birra che avevo già gustato a belgrado.

Il sole diventa alto e caldo, dopo qualche ora in spiaggia, qualche tuffo dalle rocce e dopo aver danneggiato i nostri piedi camminando sui ciottoli in una passeggiata nei dintorni, decidiamo di rientrare alla base. Questa volta proviamo a fare autostop, ma visto lo scarso successo, arriviamo al compromesso di un taxi, che con 5€ ci riporta vicino la mia pekara.

In effetti ci sarebbero stati anche i bus, ma a seguito di un’incomprensione con un ragazzo a cui abbiamo chiesto l’ora, scopriamo che i serbi hanno 1 ora avanti (ed i russi 2), non volendo cambiare le usanze e nemmeno spostare le lancette indietro all’ora locale, ci causa qualche problema organizzativo-logistico. Dopo una sana pennica, in serata, sul balcone-terrazza facciamo conoscenza con le nostre vicine, tre ragazze ceche. Come rompere il ghiaccio con le ragazze ceche?

Alcool!

Prendo la bottiglia di vodka, mi avvicino mentre sono sedute e la sventolo con un sorriso complice. In un minuto la tavola si imbandisce di bicchieri da riempire. Le tre sono di ostrava, iniziamo a parlare ma sorge il primo problema, non parlano inglese ma solo tedesco, quindi tocca noi fare lo sforzo con il nostro ceco. Risultato finale?

Dopo aver finito 1 L di vodka, qualche birra e della bekerovka, decidiamo di uscire ed andare in centro, oltre ad aver pattuito una serata italiana, con cena, per il giorno seguente. Non male, una di loro è molto graziosa, piace ad entrambi, ci toccherà litigare per provare a conquistarla? La serata prosegue nel piccolo luna park sul lungomare, dove le ragazze si ‘divertono’ così…

Purtroppo devo dire che non avevo mai visto tanto ammasso di luci, suoni, bancarelle, venditori…nel modo più kitch possibile. Budva non mi è piaciuta, troppo casino, troppo turistica nel senso negativo del termine, mare non bello, spiaggie troppo affollate e piccole.

Ritorniamo in camera un pò delusi e stanchi dall’infinita camminata della mattina e dal tanto alcool della serata.

Giorno 3, lunedi’.

Il tempo non è dei migliori, un sms (servizio gratuito della compagnia di telefonia locale) ci avvisa che oggi pioverà. Non andando al mare inizio a fare qualche foto di Budva.

Spud di spalle verso la spiaggietta di mogren e Spiaggia ‘ligure’ di budva

-Mogren plaza

Facciamo appena in tempo a rientrare verso il centro e trovare riparo in un ristorante quando l’ennesimo diluvio universale ci ricorda che la nuvoletta fantozziana è sempre con noi. Mai provata la sensazione di sentire la pioggia che si avvicina così rumorosamente!

Sarà che siamo al riparo in un ristorante, sarà che sono le 13 passate, sarà che piove come nemmeno noè aveva visto, sarà che non abbiamo altro da fare, sarà che ci viene fame e decidiamo di provarlo questo ristorante!

Peccato che io ero uscito senza maglietta (per me in estate, in vacanza, andrebbero abolite) ed essendo un posto con un minimo di decoro, mi fanno capire che non sono benvenuto.

La temperatura si è abbassta di brutto, ho fame, ma devo rientrare in camera a coprirmi. Fatto pace con la maglietta ed il clima che decide di fare un break, convinco Spud che il burek sarebbe l’ideale, anche stavolta 🙂

Ritorniamo in camera ed organizziamo la cena per la serata, facendo un pò di spesa, pasta, tonno, passata di pomodori, del formaggio, pomodori locali, olive. Io preparo un antipasto ‘italiano’: piatto scenografico con pomodori tagliati ai bordi, formaggio ovino bianco ed al centro le olive verdi, come lo scudetto della coppa italia. Mai stato più nazionalista di così! 🙂

Spud si occupa della pasta, che per un problema tecnico, non avendo lo scolapasta, finisce ovunue tranne che nella padella…La cena va abbastanza bene, le ragazze portano del vino bianco, incassiamo i complimenti per i piatti, ma la difficoltà a comunicare si fa sentire e la conoscenza reciproca non decolla. In questo modo evitiamo di dover arrivare ad un duello rusticano per la ragazza contesa e Spud puo’ ancora raccontare qualcosa della vacanza 😉

Nessuno dei due ci prova e praticamente la conoscenza con le tre, nei giorni a seguire si stabilizza in un cordiale rapporto di vicinato.

Buongiorno, buonasera.

Giorno 4, martedi

Il sole ci da il buongiorno e sappiamo di dover cogliere l’occasione. Ritorniamo alla spiaggia mogren che avevamo visitato il giorno prima ma che, causa maltempo, non avevamo vissuto appieno. Sono appena le 10 ma già è piena di gente, essendo piccola, graziosa e vicina alla città, tutti vogliono trascorrerci la giornata di mare. Troviamo un buon posto libero ed assistiamo a quello che verrà ricordato come il primo furto di pedalò a cui ho mai assistito. Due ragazze ceche, pagano 5€ per fare i canonici 30 minuti, caricano i loro averi sul pattino e vanno via, senza fare più ritorno. Mitiche!

Noi invece ci avventuriamo su una vicina roccia a picco sul mare.

Ammiriamo il panorama ed il mare circostante, per concludere il tutto decido di tuffarmi e ritornare a nuoto. Giornata di mare e sole, finalmente e fino al primo pomeriggio ce la godiamo tutta, decidendo di ritornare all’appartamento, solo quando la fame chiama disperatamente. Dopo 3 giorni di burek, preferisco visitare il mercato della frutta e verdura, dove ho una incomprensibile conversazione con una signora sulla sessantina, lei parla montenegrino, io napoletano e ci capiamo, oppure no, ma torno a casa con pomodori locali profumatissimi e gustosissimi, un melone giallo ed un paio di bellissime pagnotte.

Pane e pomodoro e quello che ci vuole per un sano pranzo, alle 16! Il cielo torna a farsi coperto e qualche goccia a cadere, mentre noi facciamo un riposino defaticante. In serata usciamo e decidiamo di prenotare un escursione al fiordo di kotor, l’unico fiordo nel mediterraneo. Con 20€ si fa un giro in barca lungo quasi tutta la costa nord del paese, entrando poi nel fiordo, rientro in autobus da una cittadina ad una 30ina di km da Budva. Giro in centro, ad ammirare le bellezze, ma senza fare molto tardi visto che il mattino dopo dobbiamo svegliarci presto.

Giorno 5, mercoledi ore 7

Che mazzata! Svegliarsi al suono della sveglia pure in vacanza è un incubo, ma per fortuna c’è il sole e ci aspetta la giornata che rimarrà nella memoria, come simbolo della vacanza.

Eppure era iniziata male, alle 8, alla fermata del bus non c’è nessuno e quando finalmente arriva l’organizzatore, ci porta all’imbarcazione e ci informa che partiremo alle 930, 1 ora e mezza dopo l’orario concordato, ma soprattutto 90 minuti di sonno in meno! Son of a b.tch!

Trascorriamo il tempo facendo qualche foto e chiacchiera. Fino a quando non incontriamo il nostro eroe dell’anno 2011.

Un mito!

Davanti a noi si sono seduti in 7-8 persone, al tavolo poggiano diverse buste di plastica e bottiglie, ma soprattutto notiamo come a tenere banco sia questo uomo, che non è solo un uomo, ha la stoffa del leader, conduce la conversazione, impartisce ordini e riceve rispetto.

Ad un certo punto si gira verso di noi e ci offre delle birre, noi rifiutiamo, sono le 9 del mattino, in fondo siamo bravi ragazzi, salutisti…ma quando ci sventola la bottiglia di vodka ukraina, non riusciamo a dire di no!

Lo conquistiamo in questo modo, rifiutando la birra ed accettando la vodka, da uomini veri, con i quali lui è abituato a trattare.

Beviamo a canna, poi dopo qualche minuto ci viene offerto un bicchiere a testa, inizia la danza…Spud non regge il terzo bicchiere, io continuo, e continuo, finchè la bottiglia finisce e si passa al cognac ukraino. Ad ogni bicchiere ci viene offerto qualcosa da mangiare, come da tradizione russo-ukraina. Peperoni, poi pane, poi prosciutto. Poco prima di arrivare alla prima fermata prevista, una bellissima spiaggia, immortaliamo l’incontro e la formazione dell’affiatato gruppo con una foto ricordo che rimarrà nella storia:

Da sinistra a destra,’uno’, l’oligarca e business man credo cognato del mito, il figlio tredicenne del nostro mito che brinda con noi con birre e LUI, Sergej, il quale decide e proclama ufficialmente che italia, ukraina e montenegro debbano unirsi a formare un solo paese, una sola famiglia.

Accettiamo, sentendoci di rappresentare tutti gli italiani, entusiasti.

Nessuno può distruggere questa santa alleanza nata sulla base della vodka ukraina, del sole montenegrino e dell’opportunismo italiano!

Vengo eletto presidente onorario, la capitale viene nominata Lviv, mentre Sergej fa capire che si accontenta di fare il ministro delle finanze, sottolineando il ruolo con una mimica che non lascia adito a fraintendimenti su quanto tenga a questa posizione. Grazie ad una giovane coppia ukraina, reclutata sul posto, possiamo finalmente tradurre le frasi incomprensibili che fino a quel momento ci stavamo scambiando, ora abbiamo notizie piu’ certe e non dobbiamo sforzarci nella nostra fantasia e nello scarnissimo russo ‘cechizzato’.  Sergej, quando arriviamo al piccolo attracco, ci lascia con una promessa, comprerà altra vodka…

Con lo stomaco quasi pieno, la testa leggera, ci godiamo lo spettacolo di questa spiaggetta raggiungibile quasi esclusivamente via mare, Zanic (ma non sono sicuro del nome…come non ero sicuro del mio in quello stato d’animo…).

Circondata da montagne rocciose e copiosa vegetazione, con un sottofondo di cicale e grilli, verdi ulivi dai tronchi nerboruti e dalle fantasie intrecciate, mi lascio rinfrescare dal mare, finalmente bellissimo e rapire dalla semplice bellezza del posto, uno spettacolo!

Tempo 1 ora e dobbiamo rientrare sull’imbarcazione per raggiungere la prossima tappa, Hercev novi, una bella cittadina quasi al confine con la croazia. Al rientro notiamo che Sergej è stato di parola, che la vodka sia con noi!

Per fortuna la nuotata mi ha ridato energie per affrontare un altro giro, ma soprattutto, per fortuna il tragitto verso la seconda meta è breve. Hercev novi è una bella località marina, mi piace molto, la giriamo per una trentina di minuti, nel centro storico, fino a quando la fame e la voglia di burek non chiama.

Anche qui abbiamo solo 1 ora a disposizione, per poter poi proseguire in barca. Questa volta il viaggio è lungo e Sergej da il meglio di se, intavolando una discussione altamente filosofica con la coppietta ukraina, intervallando con bicchieri di vodka e sigarette ogni 10 minuti. Forte del mio ruolo di presidente, vengo coinvolto nella discussione, baciato ed accarezzato.

Io e Spud veniamo finanche imboccati, dopo ogni bicchiere di alcool, prima con del fritto misto, poi con del pane tipo piadina.

Da notare che mi viene anche offerta in dono la sorella di Sergej, che non ha il fidanzato ed a cui piacciono gli italiani, anche se mi viene fatto capire che dovrei riconoscere al ministro delle finanze una percentuale dell’affare 🙂

Eh si! ormai l’alcool ha preso possesso del buon Sergej, che ora indossa una indecente magliettina in stile retino da pescatore, ma soprattutto ha uno sguardo meno profondo e stabile rispetto alla mattinata. Devo aggiungere, per dovere di cronaca, che i nostri assaggi di vodka sono diventati sempre più radi, mentre il nostro eroe ha continuato a bere vino, birra e quant’altro. Quando raggiungiamo una piccolissima isola come penultima tappa, siamo quasi contenti di allontanarci dall’uomo che stava lasciando il passo all’ubriaco, come questa foto può dimostrare.

Breve sosta nell’isoletta artificiale, dove sorge una chiesetta e ritorno in barca.

La giovane coppia ukraina decide di abbandonarci, Sergej ‘cattura’ un’altra vittima, un serbo che vive in australia, offrendogli l’ennesima vodka e non ascoltando ragioni e rifiuto dell’offerta. Si deve bere!

Per farla breve, il mito è completamente ubriaco, bacia la ragazza del serbo, chiamandola amore e cose di questo tipo, mentre vicino a lui c’è la sua seconda moglie, che non apprezza e lo cazzia di brutto.

La giornata si conclude all’arrivo a Kotor, il mito è da solo, il re è stato abbandonato da tutti, i capelli sono spettinati, la faccia stanca e segnata dagli abusi dell’alcool e non combacia con il ruolo di mattatore di poche ore fa, che era rispettato da tutti.

Il mito è l’ultimo a scendere dall’imbarcazione e sulla stretta passarella traballante che credevamo essergli fatale, da un’ultima dimostrazione della sua forza, borbottando qualcosa al personale di bordo, rifiutando l’aiuto offertoglie e scendendo sulla terra ferma, senza non poche difficoltà, come solo pochi sanno esserlo, si piega ma non si spezza.

Kotor è una bella cittadina, frequentata dai turisti delle navi da crociera, il centro storico è circondato da una scenografica muraglia che si arrampica sulla ripida roccia della montagna alle sue spalle (la foto non riesce a riprenderla bene, per cui vi postoanche questo esempio)

Giro nella cittadina e rientro a Budva in autobus, verso le 18.

Escursione che consiglio.

Stanchi ma ben contenti, ritorniamo in camera per una doccia e per uscire nuovamente, ma la solita proposta serale di budva non ci interessa granchè, mangiamo qualcosa, ci lustriamo gli occhi con milioni di belle ragazze e ritorniamo alla base.

Giorno 6, Giovedi.

in mattinata decidiamo di raggiungere in barca l’isoletta che sta proprio di fronte a budva e viene chiamata ‘hawaii’. Ecco, io non sono mai stato alle hawaii e forse mai ci andro’ ma mi immagino sia qualcosa di diverso da spiaggiette di dimensioni liguri di sassi di fianco al molo dove attracca la barchetta che ci accompagna li.

Il costo è di 3€ and-rit, partenza dalla spiaggia di budva (e viceversa) ogni 30 minuti. Appena arrivati, da buoni sportivi ci avventuriamo in una spedizione su un puntone di roccia dove si ammira la vista della città e della parte sud dell’isola.

Ci spostiamo in una zona tranquilla, dove si accede al mare senza bisogno di un corso da fachiri.

Appena arriviamo ci accorgiamo di disturbare l’unica signora presente che stava prendendo il sole in topless, coprendosi.

La mentalità balcanica non è molto aperta in questo, difficile vedere in spiaggia solo 1 pezzo di costume, anche se poi nelle discoteche le tante cubiste si vestono in maniera succinta e provocante. L’influenza della religione ortodossa si sente e come, pare di essere in italia, tanta ipocrisia, si fa ma non si dice…Molti, anche giovani, indossano le tipiche catenine con la croce ortodossa, anche negozi specializzati vicino il lungomare, qualcuno con tatuaggi a sfondo religioso, soprattutto i serbi sono fanatici e molto credenti-praticanti.

Chiusa la parentesi sociologica da pane e salame, la permanenza sull’isola è gradevole, facciamo conoscenza con un polacco, tifoso di una squadra che non ricordo con piacevole chiacchierata. Nel primo pomeriggio decidiamo di fare ritorno in centro, per mangiare qualcosa. Verso le 17 faccio un massaggio rilassante, in spiaggia, sono molti che offrono questo servizio. 30 minuti per 15€

In serata decidiamo di visitare una cittadina a sud, Petrovac, ad una ventina di km di distanza, non sappiamo cosa ci aspetta, prendiamo il bus che con 2€ in 20 minuti ci porta a destinazione dove scopriamo non esserci niente di particolare, se non la pioggia, giro sul lungomare per trovare un ristorante, la località è per famiglie, pochi divertimenti.

Da notare che le due ragazze conosciute sull’aereo sono nella nostra stessa struttura turistica, al piano di sotto, secondo me le due sorelle meriterebbero una conoscenza approfondita, ma Spud decide che solo la piu’ giovane merita (in effetti la biondina raggiunge il 7 in pagella), mentre la ‘vecchia’ (in effetti aveva piu’ capelli bianchi di me) no, quindi per non litigarcela, lasciamo stare. Anche perchè le due trascorrono i 7 giorni di vacanza nella piscina di 7 metri quadri dell’hotel, con acqua dal colore grigio topo. Quella sera eravamo stati invitati a bere qualcosa con loro…al bar dell’hotel…!!!! Va da se’ che abbiamo preferito rifiutare e provare ad esplorare la zona.

Dopo un pranzo senza infamie e senza lode, almeno per me (mentre Spud si gusta il suo mezzo kilo di carne alla brace), antipasto funghi alla brace con del buon formaggio locale, primo risotto ai frutti di mare che è palesemente di quelli preparati in buste congelate e con una buona birra alla spina, spendiamo in totale una 30ina di €

Visto che non c’è niente da fare rientriamo in bus, una volta a budva percorriamo la solita strada ultrapiena di gente, giovani bellezze, famiglie fino alla meta che tanto desideravamo!!!! “Diskoteka…Kairos…Budva…Festa granda” Si trattava di un annuncio che avevamo sentito qualche giorno prima lanciato attraverso un megafono mentre eravamo in spiaggia. Entriamo entusiasti veniamo accolti da un ‘buttadentro’ che ci prepara subito un tavolo e dalla cameriera che corre a prendere l’ordinazione, io chiedo un cocktail ‘capricozza’ e non vengo capito, inizio ad aggregarmi ad un altro tavolo dove ci sono ragazzi che ascoltano l’esibizione di un gruppo di cantanti alla ribalta, qualcosa come quei ‘fenomeni’ che escono da programmi culto, tipo ‘ami.i’.

Chiaramente il genere che spopola è il turbo-folk, qualcosa che paragonerei al genere neo-melodico napoletano. Guadagniamo l’uscita e scopriamo che non era ‘festa granda’ ma zvezda granda (grande stella), a spiegarci come funziona sono un gruppo di serbi che incontriamo e ci accompagna al centro. Di cosa si parla con un serbo? Di calcio!

‘Zvezda o partizan?’ questa è la domanda da fare, chiaramente per me ogni sostenitore della stella rossa è un fratello. Noto come Napoli ed il sud italia venga molto apprezzato, in effetti lo spirito balkano è molto simile a quello tradizionale meridionale. Voglia di festa, socializzare, scarsa propensione alle istituzioni, alle regole.

Giorno 7, venerdi.

Mattina di pioggia, cielo coperto, solo verso la tarda mattinata migliora e ci catapultiamo alla spiaggia di becici, 2 km distante da budva, ovviamente a piedi ed ovviamente scegliamo la strada trafficata, respirando a pieni polmoni i gas di scarico, quanto mi ricordano milano…La spiaggia è carina, grande abbastanza, lunga, ben gestita, poco confusionaria.

Non riuscendo a star fermo, dopo una nuotata e due lanci di friesbie, si va a vedere dove finisce la spiaggia, percorrendo almeno altri 3 km, attraverso un tunnel pedonale si raggiunge un’altra località.

Nel pomeriggio i giovani si fanno vedere in numero consistente, rimpiazzando gli spazi lasciati dalle famiglie. La musica dei bar è sparata al massimo, in molti di questi lidi si beve e balla.

Noi si rientra in centro, questa volta decidendo di fare la stradina interna, lungo costa, bello il primo tratto, poi entriamo in una zona cantiere, dove grossi scheletri di residence la fanno da padrona.

Non sapendo dove andare seguiamo l’istinto e qualche cartello che indica una spiaggia nelle vicinanze, ma si cammina tra buste di cemento, chiodi, mattoni…finche’ non raggiungiamo il percorso pedonale. Salvi?

Neanche per idea! Dobbiamo arrampicarci, scavalcare recinti e reti metalliche arrugginite. Ma si! le cose facili le lasciamo agli altri! 🙂

Ritorniamo verso il centro, mi merito un burek come premio per l’avventura. La preparazione per il ‘concerto’ di david guetta sembra terminata ed è un miracolo vista la propensione al lavoro dei montenegrini, famosi per impiegare il numero piu’ alto di persone per fare ogni cosa. Al bar? uno da da bere, uno prende i soldi e li comunica al ‘supervisore’ che segna sul libro quanto incassato e venduto.

In cantiere? uno martella e uno controlla. C’è da spostare qualcosa, da trasportarla? uno lo fa, altri lo guardano. Nel bus? l’autista guida, una donna passa dai pochi viaggiatori per il biglietto…In serata si va ad un ristorante, a budva, per provare il mix di carne alla brace, risultato sufficente, niente di piu’. Stanchi per la lunga camminata, stanchi della solita budva notturna, facciamo un giro nella zona del concerto, pieno di gente che da fuori ascolta la musica, verso l’una rientriamo in camera, sveglia in tre ore, alle 4.40 autobus per podgorica…Fine della vacanza 😦

In breve:

Budva non vale la pena di essere visitata per piu’ di 2 giorni, il mare e la spiaggia non meritano, c’è tanta confusione, locali strapieni, tante auto in giro ed aria che non è delle migliori.

Il montenegro merita una visita, girandolo, la costa è bella, scenografica per la presenza di massicce montagne a picco, tanta vegetazione, ma a livello di mare non regge il confronto con la vicina croazia o il dirimpettaio basso adriatico italiano (salento).

Divertimenti per chi ama il casino.

Per fortuna a luglio pochissimi italiani ma ad agosto ci è stato detto che arrivano le solite vagonate di connazionali, non so come si integrino e non voglio giudicare cosa non ho visto.

Ragazze, russe e serbe, bellissime, non saprei dire quanto amichevoli, sicuramente non le russe.

Costi:

– per mangiare in ristorante si spende relativamente poco ma anche la qualità non raggiunge le aspettative, mentre per uno spuntino ai vari baracchini si mangia bene e si spende poco;

– negozi alimentari e supermercati abbastanza cari, consiglio il mercato della verdura e frutta;

– divertimento, ingressi spesso gratuiti nei locali, ma le bevande si pagano abbastanza (forse sono abituato troppo bene in cechia), pochi bevono molto per questo