Tag Archives: ultras

Belgrade and my finest tips

beo6Belgrade (Beograd in serbian language) is one of my favorite destinations in the whole Europe. Belgrade is not an ordinary city, you will not be amazed by its beauty but you will remember the days spent here, because in Belgrade you really feel the city’s life, by easily getting in touch with locals.

You will understand how unique is the city, when you will discover that it lies on the confluence of two rivers, the Sava and the Danube. The city itself, like all the Balkan region, has a recent base of communist elements, a mix of Austrian and Slavonic cultures with Turkish influence and a Mediterranean flavor in its architecture and view of life (café culture, nightlife). Belgrade has been destroyed many times, its history is fulfilled with battles, changes of political powers and bomb attacks (the last, in 1999, by the criminal nato forces). Do not expect an old historical centre, the old Belgrade’s spirit is however well preserved by the citizens…

beo2– Join the Free Belgrade walking tour 

Probably it’s the best walking tour available in Europe, and you will fully understand about the city and its incredible history.

Everyday, starting at 11, from the republic square, the young guide will wear a yellow t-shirt. It will take 3 hours but you won’t get bored!

The tour will show you the very city centre, with many interesting, funny and historical details.

A friendly shot of local rakia will make the tour even more interesting…(in the picture, the guide Zeljko, was incredibly prepared, lots of info about the city)

beo– Eat local!

Serbs are very proud of their food, based on grilled meats and sausages, local cheeses and bread. Local produce is fresh and organic. Most Serbian restaurants offer roštilj, a large plate of various unseasoned grilled meats. Serbian cuisine is famous for its heavy use of varied vegetables, fresh or cooked.

Snacking and eating on the go in Belgrade is easy and cheap. Local hamburger are called cevapcici, available in many parts of the city for a very cheap price. Bakeries (pekara) are everywhere and you will find a wide assortment of breads, sandwich, sweet and savoury pastries. The most common is called burek, a light snack and meal to be consumed together with a drinkable yoghurt (similar to kefir). Some of the bakeries are open 24 hours.

beo8– Sleep at El Diablo hostel

The hostel is a clean apartment turned into a cozy hostel, with a roof terrace where to chill-out.

The owners, Nigel and Dragan are incredibly nice and helpful, always happy to talk and give suggestions to guests. You will feel like at home.

Location is probably the best you can have in Belgrade, in the heart of the former bohemian quarter, skandarljia, where famous restaurants for tourists are (expensive though), many other affordable restaurants and bars are close by. The biggest city market, where you can buy their organic veggie, meat and cheese, is only 2 minutes walking, same for 24hrs a mini market and local fast food stands.

beo1 – Have fun!

At night, there are plenty of bars, cafés and discotheques that are open, selling cheaply priced drinks. Belgrade is reputed to have some of the best night life in Europe.

Part of local culture are kafana (in the picture of of the oldest in town), a cafe’/pub with serb music and drinks. ‘Kafana is a place where sad lovers cure their sorrows in alcohol and music, gamblers squander entire fortunes, husbands run away from mean wives while shady businessmen, corrupt local politicians and petty criminals do business’. Usually you get in sober and get out drunk and happy… :)

In summer nightlife moves to the splav, river boats turned into restaurant/bars/disco located along the Sava and Danube rivers.

beo4– Meet locals!

Best way to enjoy the city is to make a friend, a local one, that will show you the best places and things to do. So I did! 🙂

Since many years I’m lucky to have met and known so many wonderful people in this city. This summer I was even invited to a serbian wedding and, believe me, it is something that I will remember for long…!!!! 🙂

Serbians are naturally welcoming and warm-hearted people, full of nice sense of humor, together with brave and proud attitudes.

If you are going with a local friend, be sure that you will visit/see/eat/drink the best…

beo5– Experience a serbian sport event

Serbs are crazy for sports, not only, they are VERY good at sports! Tennis, basket, water polo…are only few of the sports where this little country is at the top.

The local football derby, between Partizan and Red Star Belgrade (Crvena Zvezda, my second favorite club, after Napoli) is also known as the ‘eternal Derby’ and it’s considered to be one of the most intensive football events in European football, for the incredible supporting atmosphere, despite the poor quality of football. Due to the intensity of the rivalry, it is not recommended to wear either team’s colors outside the stadium during match days between the two sides.

The two clubs have teams in other sports, basket for instance is very popular too. If you have time visit the Belgrade Arena, New Belgrade. It is the second largest arena in Europe and the largest in the Balkans. You will definitely be impressed by the architecture.

adaciga– Refresh yourself!

In summer is usually very warm and humid, enjoy Ada Ciganlija, a river island on Sava River with an artificial lake.

The lake has an 8 km long gravel beach, which is visited by thousands of bathers during the summer. This is a great place for sports (area for football, basketball, beach volley, golf and tennis) and picnics.

It also contains a lot of cafes and restaurants. In summer, it is swamped with people wanting to cool down in the water; Another option is the great War Island (Veliko ratno ostrvo), a river island at the confluence of the Sava and Danube rivers, for picnics and bird spotting.

Advertisements

Lets do the Poznan!

2013-11-01 14.53.30Yep! the second stop of my last tour was Poznan, a polish city, famous for the protest against communism in 1956. A beautiful square and the Ostrów Tumski (Cathedral Island), famed as the spot on which Poznań was founded, is a quiet island, with a permanent population consisting mostly of bishops, priests and monks. These are the main sightseeing spots.

From Berlin by ‘polski bus’ it took something like 3 hours in a comfortable bus, booked online for 15€

Nowadays Poznan is known for one of the most beautiful shopping mall and for the football club ‘Lech Poznan’ (at least among men).

Unfortunately I visited the city at the beginning of November, which coincides with a very participating national holiday to honour the dead, therefore almost everything was closed for the 1st of november, even restaurants and pubs (was friday…). Bear it in mind if you are thinking of a trip in the late autumn! 😉

Here some of my pictures:

2013-10-31 15.21.35 at Tey hostel new, clean and in perfect location!

Poznan by night

2013-10-31 20.18.54 2013-11-02 17.23.04

Poznan by day:

2013-11-01 11.43.42 2013-11-01 11.46.48

2013-11-01 12.11.48 2013-11-01 12.14.59

2013-11-01 12.40.23 2013-11-01 12.45.43

2013-11-02 10.20.02

Have a drink at Pijalnia, polish vodka or beer for 1 €

2013-11-02 10.27.40 2013-11-03 01.15.05

Don’t waste your money! best places are the ‘milk bar’ (ask for bar mleczni) or small family run bistrò. Lunch (only, not open in the evening) for less than 2,5€ try the local pierogi (kind of ravioli) and kopitka (potato dumpling). In one of the main street from the main square there are two small and old style lunch bistrò that I strongly suggest. Mostly local people go there, so don’t expect translated menu!!!!

2013-11-03 13.34.562013-11-02 12.43.27

And at the end, for sport men… 🙂

2013-11-02 11.53.23  2013-11-02 12.18.40

2013-11-02 11.53.58 Against mod€rn football!!!!!!

@ Lech Poznan vs Gornik Zabrze

2013-11-03 16.36.49 2013-11-03 16.49.14 2013-11-03 16.50.13 2013-11-03 17.56.44 2013-11-03 18.00.28 2013-11-03 19.32.09 2013-11-03 19.50.22

Sottopelle

banksy(questo post sarà in continua evoluzione e aggiornamento, controlla di tanto in tanto per nuovi aggiornamenti)

Sottopelle è qualcosa che si sente e vede solo ponendo una particolare attenzione.

C’è qualcosa di un viaggio in europa che difficilmente sarà presentato da molti siti e fonti di informazioni.

Se l’europa è famosa per la sua alta arte e cultura, per i suoi siti storici, belle chiese e monumenti, ci sono altri aspetti della vita in europa e delle abitudini degli europei, che potrebbero interessare chi visita il vecchio continente.

In questa pagina proverò a mettere sotto la luce alcuni argomenti che appartengono alla cultura popolare, agli hobby, alle attività e alle passioni più comuni.

Quelle che seguono sono solo alcune voci, degli esempi, ognuno dovrebbe, quando viaggia, provare a scoprire le proprie passioni anche nei luoghi che visita.

Così facendo, si ha l’opportunità di conoscere più persone, potendo condividere un interesse in comune, e comprendere più a fondo gli stili di vita e tanto altro.

Football

Il calcio è nato verso la fine del 1800, in UK ed è con il tempo diventato lo sport più seguito in europa, ne fanno eccezione solo alcuni paesi (in Scandinavia e Republica Ceca lo sport più popolare è ice-hockey, in Lithuania è il basket).

Se visiti l’europa non dovresti perdere l’occasione di assistere ad una partita di calcio e l’atmosfera che si respira attorno all’evento.

Anche visitare gli stadi, quando non è in corso una partita, è un’ottima idea. Spesso gli stadi più famosi sono attrezzati con musei, fans shop, bar e ristoranti.

Di seguito qualche foto e informazione

kopliverpool

P1070872

P1070276

Tifosi di calcio, ultras, hooligans, casuals…

Il fenomeno del tifo si è sviluppato verso la fine degli anni 50-60, dando luogo a due importanti sotto culture giovanili, gli ultras e hooligans.

Gli hooligans nascono e si sviluppano in Uk, estendendosi soprattutto nell’europa del nord, mentre gli ultras nascono in Italia alla fine degli anni 60 e si sviluppano in tutta l’europa occidentale  negli anni 80.

Ultras e hooligans sono tifosi accaniti, passionali ed estremi della propria squadra, che spesso arrivano a manifestare sotto forma di violenza questo loro attaccamento e fedeltà.

Al giorno d’oggi i paesi dove si può trovare il maggior numero di tifosi e ultras (gli hooligans sono un fenomeno un po’ più discreto e non facile da individuare a prima vista) sono Uk, Italia, Germania, Polonia, Grecia, Serbia, Croatia, Spagna.

Un aspetto molto particolare riguarda l’italia, patria degli ultras, che negli ultimi dieci anni hanno subito una forte repressione, ad opera delle forze politiche, che invece di risolvere problemi più importanti, come la terribile situazione economica del paese, la corruzione, la mafia … si sono accanite su questo importante fenomeno giovanile.

Gli ultras sono stati, infatti, la sottocultura giovanile più sviluppata e numerosa, non solo in italia, creando aggregazione, sviluppando fantasia ed energie positive, tipiche della giovane generazione, portando avanti alcuni valori, quali la solidarietà, la militanza ed il rispetto per chi ha più esperienza.

Chiaramente ci sono anche dei problemi che sono stati predominanti nella storia degli ultras, la violenza, i rapporti con i club (che spesso hanno finanziato i gruppi ultras), l’odio verso i rivali, che talvolta ha sfocia in razzismo ed intolleranza.

La differenza sostanziale tra hooligans e ultras sta nel comportamento e nell’apparire. Se gli ultras si concentrano maggiormente nel tifo per la propria squadra, esibendone i colori, gli hooligans vedono nella ricerca dello scontro contro i rivali e nel cercare di passare inosservati, le loro priorità.

Un’evoluzione degli hooligans e degli ultras, sono i casuals, che nascono in Uk, raccolgono sia dagli uni che dagli altri, concentrandosi anche sull’aspetto estetico e sull’abbigliamento, creando una nuova forma di aggregazione giovanile, molto in voga attualmente in tutta europa.

Di seguito qualche foto e info

nabenficaA partire con l’Italia, ultras sono nati all’incirca verso la fine degli anni ’60 nel nord Italia, Torino, Sampdoria e Milan avevano gli ultras organizzati prima. Dopo pochi anni questa tendenza si è diffusa in tutto il paese fino al profondo sud e le isole (Sicilia e Sardegna). Questa cultura giovanile per decenni era predominante nella società italiana. Anche i club più piccoli in categorie a basso aveva un proprio gruppo ultras. Ultras in molte città erano così importanti per influenzare la gestione del club. Accadeva spesso che i leader sono stati in contatto con i presidenti e ha ricevuto il sostegno finanziario per la preparazione di coreografie, organizzare i tifosi e viaggi partite disputate in trasferta. E ‘stato anche molto comune, per i gruppi ultras, per protestare contro un allenatore o un giocatore. Ultras in molte città erano (e in alcuni casi lo sono ancora) una lobby … Sotto questo aspetto controverso (che appartiene solo ad alcuni dirigenti del gruppo), la maggior parte degli ultras sono buon esempio di lealtà verso le amici, i colori e la città. In Italia siamo in grado di distinguere la storia ultras in 4 grandi fasi: la nascita (fine degli anni ’60 al ’70), la crescita (80), l’evoluzione (90), la repressione (da inizio 2000).

ultrasgranata La nascita del movimento ultras è un po ‘ancora chiaro, come fonte non erano affidabili, ci sono gruppi che rivendicano una certa data di nascita, ma in quel momento la scena non è stata ben stabilita. Tuttavia, come detto sopra, quasi tutte le città italiane entro la fine degli anni ’70 aveva un gruppo di ultras. In questo momento, ultras prima erano ragazzi molto giovani, spesso studenti, con la mancanza di denaro e di organizzazione del sostegno richiesto un sacco di sforzi ed era più spontaneo. I nemici erano rare perché era molto difficile viaggiare e competere con altri gruppi, le eccezioni erano città e derby regionali (roma, genova, torino, milano …). E ‘anche importante capire che questo periodo storico era molto tesa in Italia. Proteste e rivolte, per ragioni politiche ha raggiunto alto livello di violenza per le strade, con scontri duri tra ala destra contro sinistra ali e sia contro la polizia. Ultras sono stati solo marginalmente toccati da questa situazione, forse giovani fondatori di ultras si sono ispirati, infatti, in termini di nome gruppi guerriglieri (guerriglieri), intifada, Fedayn, commandos … sono stati i più utilizzati.

 

taranto80La seconda fase vedere la crescita del movimento ultras, ormai diffusa in tutto il paese. Mentre protesta politica furono repressi con la violenza istituzionale e sotto il sangue, ultras ha deciso di trarre ispirazione dalla generazione precedente di rivoltosi. Ogni gruppo ha un orientamento specifico e politico chiaro (sia destra o di estrema sinistra). Rivalità si basano spesso su questo motivo. Allo stesso tempo, le amicizie avuto inizio tra gruppi provenienti da diversi club, spesso guidato da l’odio per gli altri (milano e roma sono amici opposto a Inter e Lazio). Ultras iniziato ad avere un proprio ‘dress-code’. Stivali, bomber e sciarpe di lana con i colori del club. Ultras sono molto popolari, gruppi principali possono avere centinaia di membri e l’idea merchandising iniziato da quel momento. Gruppi ha deciso di aumentare i soldi per organizzare al meglio il supporto per il club, con la vendita di propri materiali (sciarpe, t-shirt, adesivi …)

romawesthamLa terza fase può essere descritto come l’evoluzione uno. Dopo l’incredibile crescita di gruppi, molti sono stati gestiti in modo controverso. Relazioni con i dirigenti di club e presidente, aiuta finanziariamente da loro. Attenzione alta sul merchandising che in qualche modo distratto dai valori originali (la solidarietà, la creatività …). Anche in termini di violenza e disordini, questi sono stati sempre più atti di vandalismo e devastazione (della stazione, i settori dello stadio, treni, automobili …) o contro le forze di polizia, anche perché più di loro sono stati inviati in occasione delle partite di garantire ‘l’ordine pubblico’ . Tuttavia una circostanza importante è stato l’evento drammatico nel 1995, quando un fan di Genova è stato pugnalato a morte. L’evoluzione era necessaria, molti ultras capito. Altri gruppi già iniziato a soffrire la repressione di Stato e così ha deciso di rinunciare, come associazione riconosciuta (con la bandiera, simbolo, il nome …) e prendere un ‘clandestine’-incognito modo, ispirato al movimento informale in Uk. Inoltre è stato chiesto di adottare un ‘ultras-code’ che ha coinvolto più equi lotte, senza armi (coltelli erano molto comuni, così come sbarre di ferro e catene …), il rispetto per i rivali. Grandi gruppi perso molti seguaci, ‘cani liberi’ numerosi e questo è diventato un problema per la polizia, per controllare e prevenire disordini ultras …

romanapolioggi Come consecuence di questa situazione, nel corso di un derby siciliano, nel 2007, un agente di polizia è stato ucciso durante irots fuori dallo stadio catania. Voglio essere chiaro, i media, la polizia e la giustizia corrotta condannato 2 giovani, mentre il poliziotto è stato ucciso accidentalmente da una macchina della polizia (!). Da quel giorno una repressione di alto livello è iniziata e si è trasformata nella scena ultras e il calcio. Stadio dovevano essere più sicuro, con le telecamere di registrazione la folla, elettronici (e nominale) biglietti, ingresso sicuro, ventilatore-card, i servizi di sicurezza privati ​​e altri decisione sciocca come il divieto delle bandiere, torce, bandiere, dichiarando la morte anche di aspetti positivi della vita ultras …

 

100_2893

vecchioregimefg

Ultras in europa

Belgrado - Derby torce

delijemurales

dinamobbb

fcbrno

100_6334

Hooligans

czhools

 

Seguiranno a breve maggiori info, foto e dettagli anche su:

Sottoculture e tendenze giovanili (Teddy boys, mods, Skins, Punks…)

londonlambrettaback

Street art & Graffiti

streetart

Argomenti controversi (scontri etnici, religiosi, politici)

belfastart

Scontri di piazza

pestaggio

Tattoo

home-made-tattoo-machine1

Tendenze europee (Musica, Cinema, Fumetti, Nuove tendenze – Parkour…)

dylandog

Partecipa anche tu, fornendo immagini ed informazioni sull’argomento che ti interessa.